Il comitato

Il Comitato Tradizioni,Usi e Costumi Arcensi nasce "ufficialmente" nel 1993, con lo scopo di ricercare, conservare materiale e memorie inerenti le tradizioni ed usi di Arco, con particolare riferimento al periodo storico tardo 800/inizi 900, quando la città era ancora parte dell'Impero Austro-Ungarico. Al tempo del "Kurort", Arco ebbe il suo massimo sviluppo grazie alla presenza dell' Arciduca Alberto d'Asburgo Teschen (cugino del padre dell'Imperatore Francesco Giuseppe),il quale, incantato dal paesaggio e dalla posizione "strategica", elesse Arco sua dimora invernale, facendo erigere la propria splendida villa con adiacente il maestoso parco (Arciducale). La sua presenza, notorietà e prestigio furono grande richiamo alla nobiltà mitteleuropea, che venne e soggiornò spesso nella "Riviera dell'Impero", per il clima mite e salubre, il meraviglioso paesaggio e la natura mediterranea, dando notevole impulso e positive ripercussioni sul turismo ed economia locale. Il gruppo ARCO ASBURGICA, (che prende nome dall'omonima manifestazione organizzata dal Comitato anni fa), con le sue divise militari di nobili ufficiali (fedeli riproduzioni dell' epoca) ed incantevoli abiti ottocenteschi, rappresenta personaggi storici dell'epoca realmente convenuti in Arco per vari motivi (soggiorno, residenza, cure, ecc), es.: Arciduca Alberto d'Asburgo Teschen, Francesco II di Borbone Re di Napoli, il Generale Carlo Ferdinando, l'Ambasciatore Carlo Felice Nicolis ecc..... Arco Asburgica partecipa da anni a numerosi eventi di rievocazione/ricorrenze storiche (attinenti al periodo e contesto rappresentato) e con le danze tipiche in voga nelle nobili Corti dell'Impero (walzer, polke ecc) fa rivivere al pubblico alcuni istanti dei romantici e gioiosi fasti della Corte asburgica ottocentesca. La manifestazione annuale "Arco com'era", organizzata dal Comitato Tradizioni, Usi e Costumi arcensi, ripropone un antico spezzone di vita rurale arcense, con vecchi mestieri, oggetti, arti e tradizioni tipiche tardo-ottocentesche, concludendosi con il corteo per le vie del centro e danze della Corte asburgica con gli ospiti. Dal 2013 il Comitato Tradizioni, Usi e Costumi Arcensi fa parte del Coordinamento Rievocatori Storici del Trentino (Co.Ri.ST)